mercoledì 22 settembre 2010


Nuova Cover



e indovinate un po'.....nel nido ci andra' un peluche!!!!

sabato 7 agosto 2010



E son soddisfazioni......

Syria Poletti: Sulle ali delle farfalle
13° Concorso internazionale per la creazione di un albo illustrato inedito 2010
Secondo posto per la categoria professionisti:
"Il gioco della castagna"
testo: Carolina D'angelo
Illustrazioni: Francesca Assirelli









elenco dei premiati

lunedì 7 giugno 2010


La Vecchina Mai Sazia (Tembé – Parà)



immagine per il concorso di Sarmede con tema "Ritmo d’Incanto, fiabe dal Brasile”.
aspettiamo.....

domenica 6 giugno 2010

C'è un ladro in fattoria

Finalmente il 26 maggio è uscito il mio libro per Giunti Kids!!!




testo di Antonella Ossorio

Stamattina, alla "Fattoria del Pioppo", il gallo si è svegliato senza voce: qualcuno gliel'ha rubata!!!
L'oca Anita, becco lungo e cervello fino, si mette subito sulle tracce del malfattore.....
Berenice



L' Oca Anita e il cane Bruno

Berenice



Beppe il gatto

mercoledì 2 giugno 2010

India segreta



Correva svelta, incespicando nell’orlo lacero della gonna che sfiorava le caviglie, per vicoli stretti che svoltavano all’improvviso ogni pochi passi. Svelta, svelta, prima che le onde di lamiera calassero e l’occhio si chiudesse. “L’occhio del quartiere”, pensò fantasiosamente Talat.

La piaga forse, o il fiore all’occhiello. La biblioteca era il luogo più anacronistico del quartiere. Un quartiere secolare, a cui la tomba di un celebre santo e poeta musulmano di valore dava il sigillo d’autenticità storica. No, il quartiere avrebbe preferito considerare piuttosto la tomba il proprio occhio.

Asad Baba sfornò una teglia di biscotti, e il loro profumo leggero si riversò per tutta la via. Va’a-le-qum Baba. Asad Baba scosse la testa: nemmeno i biscotti appena sfornati potevano indurre Talat a fermarsi per due chiacchiere, pensò. La fiamma del forno, e la teglia di latta annerita dopo anni di lungo uso, lo facevano sentire solo… gli sarebbe piaciuto dividere con lei l’infornata serale. Per Zahir e Ali, come per tanti altri nel quartiere, Talat era “la ragazza della biblioteca”, e si assiepavano di nascosto dietro gli angoli aspettando di vederla passare.

«In fretta, in fretta, prima che la biblioteca chiuda e il mio libro si perda là dentro». Va’a-le-qum Baba, Va’a-le-qum sorella. Va’a-le-qum fratellino. Va’a-le-qum capretta. […] Talat rise.

Vishwapriya L. Iyengar, La ragazza della biblioteca;

martedì 11 maggio 2010

giovedì 6 maggio 2010



.......


Se vuoi essere felice un giorno
trascorrilo a tavola con un amico.
Se vuoi essere felice un mese compi un viaggio.
Se vuoi essere felice per un anno sposati.
Se vuoi essere felice per tutta la vita
costruisci un giardino.








sabato 1 maggio 2010

Le Scarpe dell'ORCO





C'era un volta in un piccolo villaggio del Giappone, tre bimbi Primo, Secondo e Terzo....e naturalmente c'era una volta un ORCO.....








mercoledì 10 marzo 2010


Il gioco dei se




Teste fiorite

Se invece dei capelli sulla testa

ci spuntassero i fiori, sai che festa?

Si potrebbe capire a prima vista

chi ha il cuore buono, chi la mente trista.

Il tale ha in fronte un bel ciuffo di rose:

non può certo pensare a brutte cose.

Quest'altro, poveraccio, è d'umor nero:

gli crescono le viole del pensiero.

E quello con le ortiche spettinate?

Deve avere le idee disordinate,

e invano ogni mattina

spreca un vasetto o due di brillantina.





Il puntino di fuoco

C'era una volta un «I» senza il puntino:

gliel’aveva soffiato via

un vento sventato

scambiandolo per un cappellino.

Rimasto cosi

senza testa,

che male ci resta

quel povero «I»,

davanti ai suoi fratelli e ai suoi cugini

tutti ricconi e pieni di puntini.

Ma una matita rossa

che passava di là

gli regalò un puntino di fuoco.

rosso come una mela,

così bello e fiammante

che tutta la parentela

per la gelosia

ci fece una malattia.


Queste illustrazioni sono esposte alla mostra intitolata "Il gioco dei “se”, evento curato dall'Associazione Kolibrì di Napoli nell'ambito del progetto "Girotondo cambia il mondo", giunto quest'anno alla sesta edizione.
La mostra fa parte del Percorso del progetto, quello dedicato a Rodari nel trentennale della sua scomparsa, e stata inaugurata il 6 Marzo 2010 e rimarra' aperta fino al 5 aprile 2010( Pan , Napoli)



Esporanno anche :

GIORGIA ATZENI, MONICA AURIEMMA, FRANCESCA CARABELLI, LUCA e RICCARDO DALISI, LAURA DI FRANCESCO, PAOLO DOMENICONI, ROSARIA IORIO, VALENTINA MESCRINO, MARTINA PELUSO, DANIELA PERGREFFI, DARIA PETRILLI, RITA PETRUCCIOLI, AMERIGO PINELLI, MARILINA RICCIARDI, FABRIZIO SILEI, FLAVIA SORRENTINO, SALVATORE TROIANO, BRUNA TROISE, MARTINA TROISE, ALESSANDRA VITELLI.

domenica 24 gennaio 2010



La Bella addormentata.

La bella addormentata, si è finalmente svegliata ed è corsa in edicola con Principe , fatine e tutta la comitiva. Nel libro sicuramente qualcuno di voi si riconoscera'.....
http://rbaitalia.it/fiabeclassiche/









http://www3.lastampa.it/shop/product_info.php?products_id=1052

mercoledì 13 gennaio 2010


InCrOcIaMo lE pEnNe!!

Questa prova si tinge di giallo.......riuscira' l'oca detective a trovare l'illustratrice che l'aiutera' nella sua avventura in fattoria????
Incrociamo le dita...e le penne :-)

venerdì 8 gennaio 2010

Altrimenti non sarei qui!

Vorresti dirmi di grazia quale strada prendere per uscire di qui?
Dipende soprattutto da dove vuoi andare - disse il Gatto.
Non m'importa molto... - disse Alice.
Allora non importa che strada prendi - disse il Gatto.
...purché arrivi in qualche posto - aggiunse Alice a mò di spiegazione.
Ah, per questo stai pure tranquilla -disse il Gatto- basta che non ti fermi prima.
Alice trovò la risposta ineccepibile, e pertanto arrischiò un'altra domanda.
Che tipo di gente abita da queste parti?
In quella direzione -disse il Gatto agitando la zampa destra- abita un Cappellaio;
e in quella- agitando l'altra zampa - abita una Lepre Marzolina.
Puoi andare a trovare l'uno o l'altra, tanto sono matti tutti e due.
Ma io non voglio andare fra i matti - osservò Alice.
Beh, non hai altra scelta - disse il Gatto -
Qui siamo tutti matti.
Io sono matto, tu sei matta.
Come lo sai che sono matta? - disse Alice.
Per forza - disse il Gatto- altrimenti non saresti venuta qui.
(Da Alice Nel Paese delle Meraviglie - Lewis Carroll)